- Leoluca Orlando

Leoluca Orlando - Deputato dell’Italia dei Valori, formazione politica di cui è anche portavoce nazionale dal 2006. Dal 24 marzo 2009 è Presidente della Commissione parlamentare di inchiesta in campo sanitario. Candidato alle elezioni europee come capolista nella circoscrizione isole, ha ottenuto 53555 preferenze ma non è stato eletto.
E’ stato deputato anche nel 1992 (per la Rete) e nel 2006 (con l’Idv). Docente di diritto pubblico regionale presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Palermo, avvocato di cassazione.

E’ stato sindaco di Palermo, dal 1985 al 1990 e successivamente dal 1993 al 2001. Candidatosi nuovamente nel 2007, è stato sconfitto dal Candidato del centrodestra Diego Cammarata. E’ stato consulente dell’Ocse a Parigi.

E’ nato a Palermo, 62 anni. Sposato, ha due figlie. Inizia la carriera politica nella Dc, dal 1978 al 1980 è stato consigliere giuridico del Presidente della Regione Sicilia, Piersanti Mattarella, ucciso dalla mafia nel 1980. Nel partito, in Sicilia, si è battuto contro la corrente di Andreotti e Mannino e durante il primo mandato da sindaco ha aperto la giunta a esponenti della sinistra. Trovando una forte opposizione interna, lascia il partito nel 1991, per fondare il Movimento per la democrazia “La Rete, fortemente impegnato sulla questione morale.
Come candidato del nuovo movimento, Orlando è eletto deputato all’Assemblea Regionale Siciliana nel 1991 e al Parlamento Nazionale nel 1992.
Nel 1993, alle prime elezioni dirette dei sindaci mai tenute in Italia, è eletto al primo turno sindaco di Palermo con il 75% dei voti. Sarà rieletto nel 1997con il 58,5 per cento di preferenze. Nel maggio 1999 aderisce al partito dei “Democratici” fondato da Romano Prodi.
Si candida per il centrosinistra alla presidenza della regione Sicilia nel giugno del 2001, ma viene battuto dal pupillo di Calogero Mannino, Salvatore Cuffaro.

Lo scorso autunno, intorno alla candidatura di Orlando alla presidenza della commissione di Vigilanza Rai si è consumato uno scontro fra maggioranza e opposizione durato settimane: sostenuto dal centrosinistra ma inviso al centrodestra, Orlando non è riuscito a spuntarla e si è dimesso dalla commissione insieme all’altro esponente Idv, Pancho Pardi in seguito all’elezione beffa dell’allora democratico Riccardo Villari. L’accordo tra centrodestra e centrosinistra è stato, infine, raggiunto con l’elezione di Sergio Zavoli.

08/06/2009 - rif.to Redazione Tetris

Post popolari in questo blog

Geraldina Colotti

Silvia Latorre

Ivo Scaringi