- Luigi Guerricchio

Luigi Guerricchio - Matera 1932 - 1996
Dopo gli studi classici si iscrive alla Facoltà di Scienze Politiche a Firenze, ma ben presto l’abbandona per frequentare la Scuola di Nudo presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli. Gli anni napoletani (dal ’52 al ’57) sono fondamentali in quanto si determinano le strutture portanti di un processo formativo, anche di natura ideologica, in disegni dalla forte carica espressiva. A questo periodo risale l’incontro con Rocco Scotellaro che inciderà profondamente nella sua formazione ideologica e nella caratterizzazione della sua figura d’artista. Attratto dalla scuola di Manzù e Kokoschka rimane per qualche tempo a dipingere e a scolpire a Salisburgo. Intorno al 1962 comincia ad incidere in prevalenza con le tecniche dell’acquaforte e dell’acquatinta, ma con attenzione altrettanto viva per la tecnica su legno, la xilografia, antico sistema di denuncia. Costante la volontà di sfuggire alla cristallizzazione delle immagini.
Persegue con pazienza, tramite il costante esercizio del disegno e della fotografia, la tensione a disporsi accanto alla natura. I segreti della sua creatività sono il grande amore per il Sud che considera la sua patria.
Le immagini che immortala in un’ampia visione estetica del reale potrebbero forse sembrare retoriche ma sono invece una riconquista dell’uomo rispetto all’alienazione contemporanea. Immagini di una terra che l’attività industriale non riesce ad estinguere.

e ancora :

La pittura di Luigi Guerricchio (Matera 1932- 1996), è fortemente ispirata dalle immagini e dai paesaggi a lui familiari: i Sassi e Matera in primo luogo, ma anche le campagne e le case, il lavoro e le feste della gente del Sud. L'interesse per l'uomo e per il suo stato nella società e nell'ambiente in cui vive si traduce in un realismo figurativo permeato di cultura e tradizione popolare.
Egli ha saputo trasferire in pittura gli stati d?animo e i sentimenti emergenti dalla realtà oggettiva; la fedeltà alla terra d?origine che lo conducono a interpretare con modi espressivi nuovi "un mondo antico" attraverso il racconto della quotidianità.
Alla fine della sua attività diventa testimone dei cambiamenti della società lucana mantenendo una forte carica espressiva e una approfondita analisi psicologica dei personaggi protagonisti delle sue opere.
"Il tempo e il luogo fanno un pittore" è l'idea che Guerricchio condivide con Carlo Levi e Rocco Scotellaro, cui fu legato da profonda amicizia.

Biografia segnalata a "VetrinaPrestigiosa" da Piero Villani

Post popolari in questo blog

Geraldina Colotti

Ivo Scaringi

Christian Corda