- Natale Addamiano

1943 Il 12 maggio Natale Addamiano nasce a Bitetto, piccolo paese vicino Bari.

1968 Si trasferisce a Milano, per frequentare l’Accademia di Brera con il suo amico Michele Zaza.

A Brera frequenta i corsi di pittura tenuti da Domenico Cantatore, fino al diploma conseguito nel 1972.

In questi anni conosce i pittori Giuseppe Banchieri, Giovanni Cappelli, Attilio Forgioli ed Enrico Della Torre.

1970 Tiene la prima mostra di disegni alla Galleria L’Agrifoglio di Milano.

Nell’occasione di questa mostra conosce Mario De Micheli, Aurelio Natali, Francesco Vincitorio, Domenico Cara e Guido Ballo.

1971 Inaugura la nuova Galleria Solferino di Milano con una trentina di dipinti eseguiti a Brera sul tema dei Diari Notturni con testo in catalogo di Giorgio Seveso.

In occasione della mostra Dino Buzzati scrive di Addamiano sul “Corriere della Sera”, diventandone amico e collezionista, insieme a Mario Perazzi.

Frequenta i pittori Giuseppe Ajmone, Franco Francese, Gianfranco Ferroni, Ruggero Savinio, Alberto Gianquinto ed Giuseppe Zigaina.

A ottobre viene chiamato da Roberto De Robertis a insegnare presso la sua cattedra di pittura all’Accademia di Bari.

1973 Espone presso la Galleria La Bussola di Bari 12 dipinti di grande formato sul tema Diario Notturno e Metamorfosi con la presentazione in catalogo di Pietro Marino e successivamente alla Galleria La Scaletta di Matera presentato da Giorgio Mascherpa.

Il 30 agosto sposa Gemma Valeriano.

1974 Il 29 giugno nasce il figlio Pietro.

1975 Da un nuovo soggiorno in Puglia inizia la serie dei quadri Figure in interni, immagini dure, drammatiche, con toni ocra e rossi caldi: personale presso la Galleria Campanile di Bari.

1976 Chiamato da Domenico Cantatore a insegnare presso la sua cattedra di pittura di Brera, si trasferisce a Milano. Il 12 giugno nasce il figlio Giuseppe. Personale alla Galleria Orvi di Tradate, nell’occasione conosce Ennio Morlotti e Karl Plattner. Inizia la sua ricca attività di opere eseguite in litografie con la stamperia La Spirale di Milano, diretta da Franco Ferrarotti.

1977 Partecipa alla mostra “La Figura” presso la Galleria Cocorocchia di Milano.

1978 Esposizione al Palazzo Ducale di Urbino a cura di Roberto Sanesi “Astrazione dal paesaggio”;invitato alla XVII Biennale “Roncaglia” , Rocca Estense, San Felice sul Panaro. Tiene una personale alla Galleria Cocorocchia con testo critico di Roberto Sanesi, e nell’occasione Boschi-De Stefano acquista due dipinti per la sua collezione.

Con la frequentazione della Puglia, inizia il ciclo campi di grano, dove predominano le terre e una colorazione fatta di luce calda.

1979 Il 17 luglio nasce il figlio Antonio.

1980 Tiene personale alla Galleria Il Triangolo di Cosenza; Tiziana Croff gli organizza una mostra con trenta opere su carta, realizzate a Gravina di Puglia, alla Mood Gallery di Milano, con testo critico di Gianfranco Bruno.

1982 Invitato alla mostra itinerante “La cooperazione e la società, Roma, Genova, Perugia, Pordenone”.E’ presente a Arteder ’82, Fiera Internazionale di Grafica di Bilbao.

1983 Tiene personale di quaranta incisioni al Palazzo Sormani di Milano.

1984 Invitato da Giorgio Mascherpa “Venti Artisti per Manzoni”, Centro S. Fedele, Milano.

1986 Tiene personale alla Galleria Magenta, Magenta; V Triennale dell’Incisione, Palazzo della Permanente, Milano.

1987 Invitato da Giorgio Mascherpa “L’Annunciazione nella pittura lombarda”, Palazzo Comunale di Verdello.

1988 Tiene personale alla Galleria Il Cenacolo di Piacenza; Il Comune di Polcenigo invita Addamiano, Cazzaniga e Gianquinto a dipingere il suo territorio, nascono vari studi. In occasione della mostra Diario, una serie di trenta piccoli dipinti, la Galleria Grigoletti terrà l’incontro con l’artista presso il Circolo Api di Pordenone; nell’occasione Osvaldo Patani gli dedica una poesia inedita.

1989 “Il mare” 2° Rassegna d’arte Contemporanea, Sala I templari, Molfetta; 70 artisti per costruire insieme, Castello Acaja, Fabbri editore, Torino.

1990 Tiene personale alla Spirale di Franco Ferrarotti a Milano, nell’occasione conosce Kayoko Shimada, che dal quel momento sarà il suo riferimento per il Giappone.

1991 E’ invitato alla VI Triennale dell’incisione a Palazzo della Permanente di Milano;

E’ invitato alla rassegna “un punto per Piero”, scuola di New York, New York.

1992 E’ invitato alla rassegna “Art Fence” alla Rotonda della Besana di Milano.

1993 Ampia antologica “1970-1993”, Villa Cattaneo, S. Quirino con testo di Angelo Bertani; Città di Brera, Palazzo della Ragione, Milano; viene invitato alla XXXII Biennale di Milano,Palazzo Permanente, Milano.

1994 “Brera”, a cura di Daniela Palazzoli, Galleria d’Arte Moderna, Gallarate.

1998 “Art e Maggio”, Arena Puglia, Bari; nuova personale Notturni alla Galleria Grigoletti di Pordenone con testo critico di Tommaso Trini.

1999 Viene invitato al Museo Katsigra, La Rossa, in Grecia. “Natura morta”, Museo Sandro Parmigiani, Cento.

2002 Tiene una mostra personale alla Galleria Li. Art dell’amico Mario Pecoraro, nel catalogo il testo è di Francesco Gallo. Studio4 Art Gallery di Molfetta organizza una mostra con quaranta olii sul tema “Borgo Antico di Molfetta”, catalogo con testo critico di Lorenzo Palumbo.

Nasce l’archivio di Addamiano presso la Dep Art di Milano.

2003 Nell’ottobre si reca in Giappone dove inaugura cinque personali nelle principali città: Tokyo, Kyoto, Kobe, Osaka, Niigata e conoscerà numerosi collezionisti delle sue opera a pastello.

La Galleria La Nuova Forma di Lanciano presenta una serie di olii e pastelli.
2004 Viene invitato a Cracovia dall’Istituto Italiano di Cultura, dove esporrà 30 opere dal 1970 al 2004, catalogo con testo critico di Flaminio Gualdoni.

2005 Il Comune di San Vito al Tagliamento gli organizza un’ampia mostra antologica di opere all’Ex Ospedale dei Battuti, con catalogo edito dalla Dep Art di Milano a cura di Andrea Del Guercio. Arianna Sartori di Mantova presenta l’opera incisa 1972-2002, catalogo con presentazione di Maria Gabriella Savoia.

L’Associazione Eleatica Onlus di Salerno organizza un’ampia antologica al Museo Archeologico Nazionale di Paestum. All’inaugurazione il critico Luca Beatrice presenta l’autore. La mostra comprende un catalogo Charta con testo di Luca Beatrice. Nell’occasione verrà presentato il secondo volume sulle opere 1970-2005 edito da Dep Art di Milano, con scritti di L. Beatrice, A. Bertani, G. Bruno, D. Cara, G. Cavazzini, A. Del Guercio, F. Gualdoni, C. Franza, P. Marino, R. Sanesi, G. Seveso, T. Trini e G. Zaza.

Biografia segnalata a "VetrinaPrestigiosa" 9/2009 da Piero Villani

Post popolari in questo blog

Geraldina Colotti

Ivo Scaringi

Christian Corda