Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2009

Giannetto Fieschi

Zogno, Bergamo, 1921 - Frequenta a Genova il liceo classico e si iscrive poi alla facoltà di medicina e all'Accademia di Belle Arti, ma subito dopo, nel 1941, viene arruolato. Rientrato a Genova alla fine della guerra, inizia la sua attività artistica. Nel '46 conosce Felice Casorati, che lo invita a tenere una personale alla Galleria del Bosco di Torino (1947) e successivamente lo fa partecipare alle Biennali di Venezia nel '48 e nel '50. Nel 1952, grazie all'interessamento di Argan, ottiene una borsa di studio per recarsi a Parigi e successivamente a Barcellona, dove realizza la Via Crucis. L'anno successivo è a New York, con una borsa di studio Fulbright, e segue i corsi di incisione e di serigrafia di Harry Stenberg alla Art Students League. Rientra in Italia, ma l'ambiente artistico a lui ostile e le precarie condizioni economiche lo inducono a tornare negli USA, per dirigere il Department of Fine Arts dell'Università del Tennesse, incarico che man…

Michael Bolton

Michael Bolton, nome d'arte di Michael Bolotin (New Haven, 26 febbraio 1953), è un cantautore statunitense. È interprete anche di brani scritti da altri autori.

I suoi successi comprendono 7 album che hanno raggiunto la top ten statunitense e 2 singoli al numero uno delle classifiche, oltre ai premi American Music Awards e Grammy.

Biografia

Nato in una famiglia russo-ebraica di New Haven (Connecticut), ha raggiunto il successo tra i trentacinque e i quarant'anni come solista vocale nel genere heavy metal, caratterizzato dall'impiego di melodie e tematiche che attraggono il grande pubblico musicale.
Aveva avuto tuttavia il suo primo contratto con una casa DISCOGRAFICA già dall'età di 15 anni suonando - con il suo vero nome - con un gruppo musicale hard rock chiamato Blackjack, del quale aveva anche fatto parte Bruce Kulick, chitarrista dei Kiss. Il complesso aveva realizzato un tour anche con il cantante heavy metal Ozzy Osbourne.
Bolton, iniziò poi a registrare dischi con i…

Marta Cecchetto

Nata a Foligno il 18 giugno 1978, Marta Cecchetto trascorre la sua infanzia nella sua città studiando e coltivando interesse per la musica e gli sport.

Suona il pianoforte e pratica equitazione, tennis e la danza.

La carriera di modella inizia presto, quando ha solo 14 anni, dopo che prende parte alla edizione italiana di "The look of the Year". Qui incontra un talent-scout che le offre l'opportunità di lavorare nel mondo della moda.

Più tardi si trasferisce negli Stati Uniti e sfila per diverse importanti case di moda, come Ungaro, Roberto Cavalli, Valentino, MaxMara, Trussardi, Donna Karan, La Perla, Parah, Just Cavalli e Chiara Boni.

Intanto porta a termine gli studi frequentando un liceo pedagogico-artistico. Si iscrive all'università per studiare Filosofia ma non terminerà il percorso accademico.

Marta compare poi sulle copertine di diverse riviste come Vogue, Gala, Max, Maxim, Donna Moderna, Anna e Marie Claire.

Nel 2006 viene stata scelta insieme a Vanessa Hes…

Giuliano Cazzola

Giuliano Cazzola (Bologna, 1941) è un economista e politico italiano.

Biografia

Laureato in Giurisprudenza, già dirigente generale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, fino ai primi anni '90 ha ricoperto incarichi di rilievo nella Cgil. Alle elezioni del 13 e 14 aprile 2008 è stato eletto per il partito di destra Popolo della Libertà alla Camera dei Deputati di cui è attualmente vicepresidente della Commissione Lavoro.

Professore a contratto presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Bologna dove insegna Diritto della Sicurezza Sociale. Ha scritto per Il Sole 24 Ore, Il Giornale, Quotidiano Nazionale, Avvenire, Il Piccolo e Messaggero Veneto e collabora con le riviste LiberoReporter, Economy, Il Mulino e Liberal.

Ha scritto molti libri sull’argomento, tra i quali “Welfare o no? Prediche inutili di un sindacalista pentito”, Ediesse 1991; “Fondi pensioni che fare?” (con A. Di Renzo), Ediesse 1993; “Lo stato sociale tra crisi e riforme: il caso Italia”, Il Muli…

Cecilia Gasdia

Cecilia Gasdia, veronese, ha vinto il primo premio al Concorso Voci Nuove per la Lirica dedicato a Maria Callas nel 1980, all’età di 20 anni.

Successivamente debuttò a Firenze ne I Capuleti e i Montecchi di Bellini, ma la sua fama era destinata ad avere una consacrazione definitiva quando, all’ultimo istante, fu chiamata alla Scala di Milano per sostituire Montserrat Caballé nel ruolo di Anna Bolena di Donizetti: il sensazionale successo della serata impose Cecilia Gasdia all’attenzione di direttori d’orchestra e registi di tutto il mondo.

Negli anni ’80 Cecilia Gasdia Ha debuttato al Teatro Comunale di Firenze in diversi ruoli: Violetta in una nuova produzione de La Traviata di Verdi per la regia di Franco Zefirelli e la direzione d’orchestra di Carlos Kleiber; Nannetta in una produzione di Falstaff diretta da Carlo Maria Giulini; Anne Truelove in The Rake’s Progress di Stravinsky con la regia di Ken Russel e la direzione di Riccardo Chailly; poi a Parigi in Moise di Rossini, Jerusale…

Anton Zoran Music

Anton Zoran Music - Boccavizza, 12 febbraio 1909 – Venezia, 25 maggio 2005 - E' stato un pittore e incisore sloveno, esponente della nuova Scuola di Parigi

Biografia

Mušič nacque in una famiglia di lingua slovena nel villaggio di Boccavizza (Bukovica) presso Gorizia (allora parte della Contea di Gorizia e Gradisca), oggi Slovenia. Dopo aver terminato gli studi all'Accademia dell'Arte di Zagabria a 1934, Mušič cominciò la sua carriera con lunghi viaggi (1935 - 1940), trascorrendo alcuni mesi a Madrid, Vienna, a Maribor, a Korčula e Ljubljana prima di stabilirsi a Trieste e Venezia nel Ottobre 1943. Nel Novembre 1944, durante la seconda guerra mondiale, fu deportato nel campo di concentramento di Dachau, dove riuscì a ritrarre segretamente la vita del campo in circostanze estremamente difficili e pericolose.
Dopo la sua liberazione, avvenuta nel 1945, Mušič fece ritorno a Ljubljana, dopo a Venezia, dove vinse il primo premio alla Biennale del 1950. Nel 1951 gli fu assegnato, in…

Ida Barbarigo

Ida Barbarigo nasce a Venezia nel 1925, da famiglia veneziana.

Da secoli nella famiglia Cadorin si alternano scultori, pittori, architetti e letterati, senza discontinuità.

La madre era pure pittrice e poetessa. Studia giovanissima architettura con lo zio Brenno del Giudice, abbandona però quella disciplina per dedicarsi completamente alla pittura, compiendo gli studi all'Accademia di Belle Arti di Venezia sotto la guida del padre Guido Cadorin.

Dal 1948 in poi, viaggi in Europa. Lavora nello studio di Venezia, molto nei caffè, nei giardini e nei grandi spazi popolati dalle seggiole.

La sua pittura, estranea alle tendenze dell'epoca, rimane quasi ignorata. Prosegue il suo lavoro nell'isolamento, fedele alla sua personale visione della realtà. Così, in questi lunghi anni si è compiuta la sua opera, nella solitudine. Dal 1952 si stabilisce a Parigi, non lasciando però mai Venezia ove lavora una parte dell'anno.

Ida Barbarigo si è pure dedicata molto alla tecnica dell'…

Carlo Sgorlon

Carlo Sgorlon (Cassacco, 26 luglio 1930 – Udine, 25 dicembre 2009) è stato uno scrittore italiano.

I suoi romanzi hanno per tema specialmente la vita contadina friulana con i suoi miti, le sue leggende e la sua religiosità, le guerre mondiali, il dramma delle guerre mondiali e delle foibe, le storie degli emigrati, le difficili convivenze delle varie etnie linguistiche; spesso proprio il passato e le radici rappresentano per Sgorlon gli unici elementi risananti del mondo.
L'autore ha vinto oltre quaranta premi letterari, tra cui: Il Supercampiello (due volte), Lo Strega, Il Napoli, Il Flaiano, Il Nonino, L'Isola d'Elba, L'Hemingway, Il Latina, Il Fiuggi, Le Palme D'oro, Il Tascabile, Il Basilicata, Il Penne, Il Taranto, Il Vallombrosa, Il Casentino, L'Enna, Il Rapallo, il Rosone d'oro, il Regium Julii e lo Scanno.

Biografia

Originario di Cassacco, un piccolo centro a pochi chilometri da Udine, secondogenito di Antonio (sarto) e Livia (maestra elementare), ha tr…

Paolo Barnard

Sono un giornalista, o forse lo sono stato, e come tale ho lavorato per innumerevoli testate nazionali fra quotidiani e periodici, come La Stampa, Il Manifesto, Il Corriere della Sera, Il Mattino, Il Secolo di Genova, La Repubblica, La Voce di Montanelli, Il Sabato, Chorus, Oggi, Avvenimenti e altri. Per la televisione in RAI con Samarcanda di Santoro durante la Guerra del Golfo (1991) e con Report per dieci anni. Per riviste di cultura come Micromega, Altrove, Golem del Sole 24 Ore, e per agenzie di stampa e testate online. Mi sono occupato soprattutto di politica estera. Mai assunto, mai contrattualizzato. Ho scritto libri su terrorismo internazionale, Palestina e Israele, e sull’umanizzazione della Medicina. Ho tenuto conferenze per anni in giro per l’Italia sui temi delle mie inchieste (quelle di Report, RAI) e sul mio impegno come attivista per un ‘mondo migliore’. Nella mia vita ho fatto forse più volontariato che giornalismo, in campi diversi come i Diritti Umani, l’esclusione …

Giuseppina Labellarte

Giuseppina Labellarte, appassionata di arte (fotografia, pittura, poesia...), collabora dal 2007, come organizzatrice, ai lavori interdisciplinari della webgalleria di arti visive e letterarie Anforah ArteNetwork

E' ricercatrice e docente di Psichiatria, Psicoanalisi e Psicoterapia, vive e lavora a Bari ove dirige un Centro di Salute Mentale del servizio pubblico.

Sempre nel settore psichiatrico ha attuato vari progetti e ha pubblicato numerosi lavori.

contatta per email Giuseppina Labellarte

>>>

Giuseppina Labellarte: Tracce
Pubblicato da fidest su Lunedì, 30 Novembre 2009

Trieste 6.12.2009 – alle ore 18 - presso lo storico Caffè Liberty (in piazza S. Giovanni, 5) mostra di fotografia e poesia dell’artista barese Giuseppina Labellarte, ispirata agli splendidi panorami dello straordinario deserto brasiliano di Lençóis Maranhenses e visibile in internet all’indirizzo http://www.anforah.artenetwork.net/tracce/tracce.htm. Saranno anche presenti in mostra alcune notevoli elaborazi…

Carlo Quattrucci

Roma 3 maggio 1932 – 28 aprile 1980 - è stato pittore,incisore, grafico e scultore

“E' pittore. Come altri, crede che essere pittore debba dire qualcosa. Di sé; non potrebbe essere altro, così sente, quasi un destino. Ma sa che il proprio destino deve legarsi alla storia degli altri, alla realtà del mondo per avere una vita. Ama la natura fino a cercarne in un'incantata scoperta gli aspetti più segreti e la bellezza più misteriosa. Ma ha appreso una dura verità. Viviamo in un tempo in cui il discorso sulla natura diventa silenzio su troppe altre cose. Per questo la vita lo riporta tra gli uomini... Nomade, scanzonato non rassegnato alla banalità e all'ingiustizia affronta onestamente questa verità. Con una segreta aspirazione ad essere popolo, epico cantastorie delle immagini di un mondo felice... con questa bruciante passione e voglia di vivere libero..." Elio Mercuri

Per conoscere l'anima di Carlo Quattrucci non servono date, notizie, aneddoti: il senso della sua…

Piero Guccione

Piero Guccione - Scicli, 5 maggio 1935 - è un pittore italiano.

Biografia

Ha studiato all'Istituto d'Arte di Catania e all'Accademia di Belle Arti di Roma, dove si e trasferito nell'ottobre del 1954. Dal 1958 al 1969 ha partecipato alle missioni paleontologiche nel Sahara libico, con l'équipe dell'archeologo Fabrizio Mori, per il rilevamento di pitture rupestri. Nel 1961, su richiesta dell'American Federation of Art, ha organizzato una mostra di tali pitture alla Columbia University di New York, successivamente ospitata nelle maggiori università americane.

La sua prima mostra personale ha avuto luogo a Roma, alla Galleria Elmo, nel 1960. Dal 1962 al 1964 ha fatto parte del gruppo "Il pro e il contro", con i pittori Attardi, Calabria, Farulli, Guerreschi, Gianquinto e Vespignani e i critici d'arte Antonio Del Guercio, Dario Micacchi e Morosini. Tale gruppo ha rappresentato un punto di riferimento per la pittura realista di quegli anni.

Dal 1966 al …

Cesare Merzagora

Uomo Politico e Finanziere (Milano 1898 - Roma 1991). Amministratore di banche e importanti aziende (Pirelli, Edison, Bastogi, Alfa Romeo), presiedette la commissione centrale economica del CLNAI.

Eletto senatore come indipendente nelle liste della DC (1948), fu ministro del commercio estero (1947-51), presidente del senato (1953-67) e presidente supplente della repubblica (1964).

Giulio Bosetti

Giulio Bosetti - Bergamo, 26 dicembre 1930 – 24 dicembre 2009 - è stato un attore teatrale, regista teatrale e attore cinematografico italiano.

Biografia

Dal 1950 ha lavorato in varie formazioni, affiancando oltre alle interpretazioni di classici come Ionesco, Dostoevskij e Diego Fabbri, anche un'intensa attività televisiva e cinematografica.
Negli anni Settanta ha fondato la cooperativa Teatro Mobile, che ha diretto fino alla morte, e con la quale ha messo in scena, fra l'altro, quasi tutto il repertorio pirandelliano.

Tra i film più celebri ricordiamo:

Nag la bombe (1999), produzione francese per la regia di Jean-Louis Milesi; Il Divo (2008), diretto da Paolo Sorrentino, centrato sulla figura di Giulio Andreotti.

Filmografia - Cinema

Il Divo (2008)
Buongiorno, notte (2003)
Il cuore altrove (2003)
Nag la bombe (2000)
Il segreto dell'uomo solitario (1988)
Il ritorno di Casanova (1980)
Il viaggio di Marco Polo (1972) (voce)
Rose rosse per Angelica (1968)
Un amico (1967)
Requiem pe…

Raul Montanari

Raul Montanari ha pubblicato dieci romanzi e tre libri di racconti. I più noti: La perfezione (Feltrinelli) e, per Baldini Castoldi Dalai, Che cosa hai fatto, Chiudi gli occhi, L’esistenza di dio, La prima notte.

Con Aldo Nove e Tiziano Scarpa ha scritto Nelle galassie oggi come oggi (Einaudi), insolito bestseller nel campo della poesia. Autore poliedrico, ha firmato sceneggiature, opere teatrali e traduzioni dalle lingue classiche e moderne (Sofocle, Seneca, Poe, Wilde, Borges, Styron, Greene, P. Roth, Brink, C. McCarthy fra gli altri).

Scrive per quotidiani e periodici, gira l’Italia tenendo reading e conferenze. Interviene su RaiDue, La7 e Sky. Dal ’99 ha una scuola di scrittura creativa a Milano.

I suoi ultimi libri sono la traduzione delle poesie di Edgar Allan Poe (Feltrinelli) e il romanzo Strane cose, domani (Baldini Castoldi Dalai).

Nota del 25/12/2009

- Peter Gomez

Dopo la scuola di giornalismo inizia a lavorare all'Arena di Verona.

Nel 1986 approda al giornale di Montanelli per poi passare a La Voce.

Dal 1996 è all'Espresso, dove si è occupato come inviato di tutti i più importanti casi di corruzione politica, giudiziaria e molto di mafia.

È nato a New York nel 1963, tifa per l'Inter e se fosse stato abbastanza bravo avrebbe voluto fare il giocatore di basket.

Collaboratore di Micromega ha pubblicato una quindicina di saggi. Gli ultimi sono:
I Complici. Tutti gli uomini di Bernardo Provenzano da Corleone al Parlamento, scritto con Lirio Abbate (Fazi, 2007)
Il regalo di Berlusconi, scritto con Antonella Mascali (Chiarelettere, 2009).

Prima o poi proverà a pubblicare un romanzo.

- Pino Corrias

Pino Corrias giornalista, scrittore.

Il suo ultimo libro Vicini da morire è edito da Mondadori (2007).

E’ stato inviato speciale del quotidiano La Stampa.

Ha pubblicato Luoghi comuni – dal Vajont a Arcore, la geografia che ha cambiato l’Italia (Rizzoli 2006), Vita agra di un anarchico (Baldini e Castoldi, 1993), Colpo grosso, con Curzio Maltese e Massimo Gramellini (Baldini e Castoldi, 1994), Ghiaccio Blu (Baldini e Castoldi, 1999). E' attualmente in libreria l'edizione tascabile di Vita agra di un anarchico, ripubblicato da Baldini Castoldi Dalai. Il libro, introvabile da anni, contiene una nuova prefazione.

Ha lavorato come sceneggiatore (Ultimo, Distretto di polizia). Per Raidue ha condotto con Renato Pezzini l’inchiesta in 4 puntate Mani pulite.

Oggi è dirigente Rai, si occupa di fiction, ha prodotto La meglio gioventù, regia di Marco Tullio Giordana e De Gasperi, regia di Liliana Cavani.

Collabora al quotidiano La Repubblica e al settimanale Vanity Fair.

Vive e lavora a Ro…

- Katchen Julius

Pianista statunitense - Long Branch, New Jersey 1926 - Parigi 1969.

Allievo di D. Saperton, affiancò agli studi musicali quelli universitari, laureandosi all'Haverford College nel 1945.

Dal 1946 si trasferì a Parigi e intraprese una carriera concertistica che lo portò nelle sale da concerto di tutto il mondo, dove fu molto apprezzato per le sue interpretazioni dei classici viennesi, di J. Brahms, S. Prokof'ev e B. Bartók.

- Dolcenera (Emanuela Trane)

Biografia - 1977/2002 - Gli esordi - Dolcenera nome d'arte di Emanuela Trane (Galatina, 16 maggio 1977), è una cantautrice, musicista e attrice italiana. nasce a Galatina, in provincia di Lecce, il 16 maggio del 1977. Figlia primogenita di Gino e Mimma.
Studia fin da bambina musica, in particolare pianoforte, canto e clarinetto e già all'età di quattordici anni inizia a scrivere le prime canzoni e a esibirsi dal vivo. Vive con la famiglia fino a diciotto anni a Scorrano, paese di cui è originaria, e dopo il diploma di liceo classico, si trasferisce a Firenze, dove s'iscrive alla facoltà di ingegneria meccanica.
A Firenze incontra il chitarrista Francesco Sighieri, con cui collaborerà anche in seguito; fonda la band "I codici zero" che segue in tour gli Articolo 31. Sceglie il suo nome d'arte, Dolcenera, in omaggio all'omonima canzone del genovese Fabrizio De André, contenuta nell'album Anime salve del 1996.
Mentre continua la sua inarrestabile vita nottu…

- Yamanaka Sadao

Regista cinematografico giapponese (Tōkyō 1907-Cina 1938) - Tra i più sensibili giovani cineasti degli anni Trenta, e tra i più aperti agli influssi occidentali, fu pittore di costumi in una serie di film ricchi di vita e di umorismo: Dormire con una lunga spada (1932), La vita di Bangoku (1933), Lo spadaccino elegante (1934), Il villano tatuato (1935), Umanità e palloni di carta (1937).

- Agostino Gemelli

Vero nome Edoardo - Psicologo italiano (Milano 1878-1959); laureato in medicina a Pavia, si dedicò alla neurofisiologia, recandosi a tale scopo in Germania, e quindi alla psicologia sperimentale, che studiò con O. Külpe a Würzburg.

Nel 1903 era entrato nell'ordine dei frati minori e fu il fondatore dell' Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, di cui fu rettore dal 1921. Qui organizzò l'Istituto di Psicologia, dotato di un laboratorio attrezzatissimo, che fu ben presto una delle prime scuole di psicologia d'Italia.

I suoi interessi di ricerca spaziarono dalla psicofisiologia alla psicologia dell'età evolutiva alla psicologia applicata.

Come filosofo, G. promosse la neoscolastica, fondando nel 1909 la Rivista di Filosofia Neoscolastica. Opere principali: La psicologia applicata all'industria (1944), Psicologia dell'età evolutiva (1945), Introduzione alla psicologia (1947).

- Lanusse Alejandro Agustín

Generale e uomo politico argentino (Buenos Aires 1918-1996).

Ufficiale di carriera, ebbe una parte importante negli avvenimenti argentini degli anni Sessanta, quando le forze armate assunsero il governo del Paese.

Comandante in capo dell'esercito dal 1968 sotto la presidenza del generale Onganía, si assunse il compito di riportare il Paese alla normalità costituzionale.

Il 25 marzo 1971 fu nominato presidente della Repubblica e nel 1973 consegnò la presidenza al candidato peronista regolarmente eletto.

- Virgìnia Zeani

Soprano italiana di origine romena (Bucarest 1928). Allieva della Lipowska, si è perfezionata in Italia con A. Pertile.

Grazie all'eccezionale estensione vocale e alle doti interpretative si è rapidamente affermata in Europa e in America.

Oltre alle opere di G. Donizetti, G. Verdi (particolarmente Traviata) e R. Wagner, il suo repertorio comprende composizioni contemporanee, tra cui I dialoghi delle Carmelitane di F. Poulenc. Ha sposato il basso N. Rossi-Lemeni.

- Corrado Veneziano

Corrado Veneziano (Tursi, 1958) è un regista teatrale e scrittore italiano.

Cenni biografici

Docente di Linguistica, negli ultimi dieci anni, all'Accademia nazionale d'arte drammatica Silvio D'Amico, ha tenuto lezioni di fonetica e prosodia della lingua italiana in università italiane e straniere.

Autore del primo manuale di pronuncia multimediale italiano (pubblicato da Laterza nel 1997) e del manuale di dizione più venduto in Italia (Manuale di dizione, voce e respirazione, editore Besa) ha recentemente orientato i suoi interessi in campo televisivo e tecnologico. Dopo aver firmato la regia del documentario Sedicipersone. Le parole negate del bombardamento della Tv di Belgrado (d'intesa con Rainews 24) e del corto A sirene spiegate, interpretato da Emilio Solfrizzi, Giuseppe Battiston e Olivia Magnani, ha ideato, scritto e diretto la serie televisiva Accipicchia: ci hanno rubato la lingua!, una fiction (in onda da settembre 2008 su Rai 3) sull'insegnamento della lin…

- Eva Cantarella

Eva Cantarella (Roma, 1936) è una giurista e scrittrice italiana.

Biografia

Figlia del grande grecista e bizantinista siciliano Raffaele Cantarella, compie i suoi studi presso il Liceo Classico Cesare Beccaria di Milano. Nel 1960 si laurea all'Università di Milano e completa la sua formazione presso prestigiose Università straniere (Berkeley, Heidelberg). Allieva del romanista e civilista Giovanni Pugliese, ha svolto attività accademica e di ricerca presso le Università di Camerino, Parma e Pavia oltreché all'Università del Texas a Austin e di quella di New York, della quale è stata visiting professor.
Ha pubblicato numerosi saggi sul diritto e su aspetti sociali del mondo greco e romano. Attualmente è professore ordinario di istituzioni di diritto romano e di diritto greco antico all'Università statale di Milano. Fa parte del comitato scientifico di Biennale Democrazia.

Opere

Studi sull'omicidio in diritto greco e romano, Milano, 1976,
Norma e sanzione in Omero. Contributo…

- Lee Ang

Regista Taiwanense (Pingtung, Taiwan, 1954). Dopo essersi diplomato nel 1975 alla Taiwan Academy of Art, si è trasferito negli Stati Uniti per completare i suoi studi in campo cinematografico: prima alla Università dell'Illinois e poi all'Università di New York, dove ha vinto nel 1985 un premio come miglior regista con un mediometraggio. Riscontrate numerose difficoltà nel trovare dei finanziamenti per i suoi film, inizialmente si è dedicato alla scrittura di sceneggiature e solo nel 1992, grazie agli aiuti di produttori indipendenti, ha girato il suo primo lungometraggio, incentrato sul divario culturale e generazionale nella società taiwanese, tema trattato brillantemente nei suoi due successivi film. Nel 1993, ha vinto a Berlino l'Orso d'oro con Banchetto di nozze, a cui ha fatto seguito Mangiare, bere, uomo, donna (1994), film prodotto a Taiwan, che ha riscosso un buon successo di critica internazionale. Regista versatile, che non ama seguire un solo filone tematic…

- Luca Comanducci

Luca Comanducci nasce a Forlì il 6 marzo 1973, ma ha sempre vissuto a Ravenna. E’ diplomato come Ragioniere.

Ha sempre avuto l’hobby del cinema, della musica e della scrittura.

Ha pubblicato per la “Claudio Nanni Editore”: nel 2008 “Photogrammi da un passato mai vissuto” e nel 2009 “Due o tre cose che so di cinema….e non solo”.

Prima di passare al fatidico cartaceo, il Nostro (ma un po’ anche Vostro) ha sfogato la sua passione letteraria principalmente sul Web, pubblicando numerosi suoi scritti sotto i consueti pseudonimi di Telemaco Pepe e Alan J-K-68 Tasselli, grosso modo dal Maggio 2002 al Maggio 2008.

Pratica tuttora vita da (consumatissimo) “single”, anche se, ogni tanto, gli verrebbe voglia di abbandonare questo (pur dignitoso) status…

WEBSITE: Luca Comanducci

- Parabhakti das (Mauro Bombieri)

Parabhakti das (Mauro Bombieri) nel 1978, all'età di 16 anni, si unisce al Movimento Hare Krishna.

Dopo alcuni anni vissuti da brahmachari (studente celibe) nei templi ISKCON si dedica totalmente allo studio della letteratura vedica ed alla pratica del Bhakti Yoga. E' sposato ed ha una figlia.

Viaggiatore internazionale ha incontrato molte culture e genti che hanno contribuito ad ampliarne ed arricchirne la visione del mondo. Si è anche occupato attivamente di protezione dell'ambiente e di formazione e benessere delle persone.

Da alcuni anni è tornato all'impegno attivo nell' ISKCON (Associazione Internazionale per la Coscienza di Krishna) ricoprendo la carica di responsabile di Villa Vrindavana il più grande tempio italiano.

Guido da Todi

Immagine
Si occupa sin dalla prima giovinezza di studi esoterici. La sua cultura si è man mano formata, a partire dalla Società Teosofica (Blavatsky) e, proseguendo, poi, con Alice A. Bailey, i Rosacroce, lo Yoga, il Buddismo e la Scuola del Tao.

Egli ritiene, come tutti gli onesti ricercatori dello Spirito, che ogni Scuola Metafisica pura e di buoni propositi contenga un frammento, più o meno grande, dell'Arcano.

Ha promosso centri d'azione divulgatori della Verità Esoterica, tenuto conferenze, riunioni di gruppo, scritto articoli su riviste specializzate e no; è stato a lungo ospitato in trasmissioni radiofoniche e televisive regionali, in Italia, ove presentava settimanalmente le sue rubriche di cose metafisiche ai mass media.

E' specializzato in astrologia esoterica e nella filosofia dell' "I King".

E' inoltre appassionato d'informatica (software)

E' stato impiegato presso grandi aziende multinazionali, svolgendo il ruolo (negli ultimi diciotto anni della…

- Camillo de Lellis

Camillo de Lellis - santo - Fondatore dei ministri degli infermi (Bucchianico di Chieti 1550 - Roma 1614).

Seguì il padre (m. 1571) nella carriera delle armi, conducendo fino all'età di 24 anni una vita di rischi e di avventure; congedatosi nel 1574 e ridottosi in miseria per la mania del gioco, divenne manovale in una fabbrica dei cappuccini a Manfredonia, ove fu colto da una profonda crisi spirituale e vestì l'abito dei cappuccini.

Nel 1575 ritornò nell'ospedale di S. Giacomo in Roma, dove era già stato nel 1571 per curarsi di una ferita a un piede non più guarita, trattenendovisi per alcuni anni tutto dedito al servizio degli altri malati e gettando le basi della sua compagnia, che nel 1586, riconosciuta da Sisto V, prese possesso della Casa della Maddalena in Roma.

Dal 1588 C., che nel 1584, dopo i regolari studî al Collegio Romano, era stato ordinato sacerdote, fondò altre case in varî centri (Napoli, Milano, Genova, Firenze, ecc.), eresse ospedali, organizzò in gravi…

- Tom Wolfe

Tom Wolfe (Richmond, 1931; nella foto), è un giornalista e scrittore statunitense.

È l’inventore del New Journalism, che coniuga il rigore del reportage allo stile della narrativa.

Wolfe, dopo aver studiato a Yale, ha lavorato come reporter per testate come Washington Post e Herald Tribune.

Nel 1987 ha pubblicato in volume il suo primo romanzo Il falò delle vanità, con enorme successo in tutto il mondo. Wolfe è l’inventore di molti neologismi diventati di uso comune, come «radical chic», titolo di un suo celebre reportage.

- Vìllari Pasquale

Vìllari Pasquale - Storico e uomo politico (Napoli 1826 - Firenze 1917), fratello di Emilio.

Esule a Firenze dopo aver partecipato al moto napoletano del 1848, insegnò storia all'univ. di Pisa (1859) e all'Istituto di studi superiori di Firenze (1865-1913).

Socio nazionale dei Lincei (1878), deputato (1870-76; 1880-82), senatore (dal 1884), fu ministro della Pubblica istruzione (1891-92), presidente della Dante Alighieri (1896-1903), collare della Ss. Annunziata (1910).

Come storico, si guadagnò larga fama con La storia di Girolamo Savonarola e de' suoi tempi (2 voll., 1859-61) e con Niccolò Machiavelli e i suoi tempi (3 voll., 1877-82), cui seguirono: I primi due secoli della storia di Firenze (2 voll., 1893-94); Le invasioni barbariche in Italia (1900); L'Italia da Carlo Magno alla morte di Arrigo VII (1910).

Fu anche uno dei più autorevoli studiosi della questione meridionale (Lettere meridionali, 1878; Scritti sulla questione sociale in Italia, 1902).

Notevoli inol…

- Donato Menichella

Donato Menichella - Finanziere italiano - Biccari, Foggia, 1896 - Roma 1984 - Direttore Generale dell'IRI (1933-43) e della Banca d'Italia (1946-48), incaricato di varie missioni ufficiali all'estero. Dall'agosto 1948 al 1960 è stato governatore della Banca d'Italia e quindi governatore onorario.

- Igor Man (Igor Manlio Manzella)

Roma, 18 dic. (Apcom) - E' morto Igor Man, scrittore e giornalista: con lui

"è scomparso il testimone di un secolo, un giornalista di eccellenza, un grande inviato nella cronaca e nella storia di un mondo vissuto e conosciuto in profondità", dice in una nota il segretario della Fnsi Franco Siddi. "I fatti prima di tutto, raccontati con sapienza avendone prima penetrato tutti i risvolti, affinché chiunque, leggendo sul giornale, potesse avere accesso vero - conclude - anche alle vicende più complesse di geopolitica, di politica internazionale, di cronaca".

Igor Man era pseudonimo di Igor Manlio Manzella: il quotidiano La Stampa ricorda la figura di uno dei protagonisti del giornalismo italiano, tra le firme più prestigiose del quotidiano torinese. Man era nato a Catania il 9 ottobre 1922. Figlio di Titomanlio Manzella, esperto di politica estera, cominciè a lavorare a La Stampa nel 1963 sotto la direzione di Giulio de Benedetti. Studioso delle religioni e delle …