Giuseppina Labellarte

Giuseppina Labellarte, appassionata di arte (fotografia, pittura, poesia...), collabora dal 2007, come organizzatrice, ai lavori interdisciplinari della webgalleria di arti visive e letterarie Anforah ArteNetwork

E' ricercatrice e docente di Psichiatria, Psicoanalisi e Psicoterapia, vive e lavora a Bari ove dirige un Centro di Salute Mentale del servizio pubblico.

Sempre nel settore psichiatrico ha attuato vari progetti e ha pubblicato numerosi lavori.

contatta per email Giuseppina Labellarte

>>>

Giuseppina Labellarte: Tracce
Pubblicato da fidest su Lunedì, 30 Novembre 2009

Trieste 6.12.2009 – alle ore 18 - presso lo storico Caffè Liberty (in piazza S. Giovanni, 5) mostra di fotografia e poesia dell’artista barese Giuseppina Labellarte, ispirata agli splendidi panorami dello straordinario deserto brasiliano di Lençóis Maranhenses e visibile in internet all’indirizzo http://www.anforah.artenetwork.net/tracce/tracce.htm. Saranno anche presenti in mostra alcune notevoli elaborazioni di fotografia digitale della serie “Substantia” L’esposizione, a cui ha collaborato pure l’artista Alfredo Davoli, è promossa dalla webgalleria d’arte e poesia Anforah (con patrocinio di Provincia e Comune di Trieste, Città di Bari e Club Unesco di Udine) e si protrarrà fino al 31.12, con orario visite 9-12 e 17-21 dal lun al sab. Riportiamo, per la particolare circostanza, alcune note critiche di Fedele Boffoli curatore e promotore dell’evento: ”[...] Non vi è posto migliore di un deserto per meditare su di sé e sul mondo, dove – negli eloquenti silenzi – sensi ed anima entrano in consonanza con gli spazi, le luci e le profondità più fisiche e immortali; il luogo, paradossalmente, più adeguato e desolato in cui centrarsi e contemplare/percepire integralmente la vita nei suoi aspetti dimensionali e comunicanti (dai più bassi agli elevati e viceversa). Il Deserto: teatro immutabile di avventure e incontri, posto per eccellenza di viaggi e vie carovaniere, luogo di santità e catarsi, meta di profeti ed eremiti; sinonimo di tentazione e morte ma soprattutto ed assolutamente di fertilità e vita eterna; Lençóis Maranhenses (il bianco e lunare deserto brasiliano) non si sottrae a ciò e pur non competendo in grandezza con i suoi fratelli maggiori africani e asiatici risulta ugualmente superlativo. [...]“

>>>

Le note su Giuseppina Labellarte sono state segnalate a "VetrinaPrestigiosa" il 25/12/2009 da Piero Villani

Post popolari in questo blog

Geraldina Colotti

Ivo Scaringi

Christian Corda